L’appello alle conseguenze e la fallacia della brutta china

Appello alle conseguenze [1]:

Fare appello alle conseguenze può essere considerato una specie diprincipio cautelativo, una diffida a intraprendere attività o sforzi scientifici che rischino di provocare danno (o conseguenze indesiderabili) per la salute umana o per l’ambiente, in considerazione di una imprevedibile serie di eventi a cascata (concetto legato a un’altra fallacia logica, detta “argomentazione a catena”). Tuttavia, in molti casi, i gruppi antiscientifici finiscono per contestare una particolare linea di indagine scientifica farcendo le loro argomentazioni di presunte conseguenze filosofiche o morali, concludendo che una premessa debba essere errata sulla base di presunte conseguenze sgradevoli, e viceversa.

Ad esempio, esiste la paura che l’evoluzionismo condurrà al genocidio, o che porterà a ritenere che gli umani non siano che un altro animale nella foresta (cioè alla negazione dell’eccezionalismo). Un’altra preoccupazione comune è che l’ateismo/materialismo ci condurrà a una vita immorale e priva di scopo.

Un altro buon esempio viene da Neo in Matrix. Quando gli viene chiesto se crede nel destino, Neo risponde di no; ma quando gli viene chiesto perché, risponde “Perché non mi piace l’idea di non poter gestire la mia vita”. In questo esempio, Neo non si rifà all’evidenza, ma alla sensazione sgradevole associata al credere nel destino.

Chiaramente, alcune strade dell’indagine scientifica sono più pericolose di altre.

Il recente dibattito sugli esperimenti “gain-of-function” (quelli cioè che coinvolgono la creazione e manipolazione genetica di nuovi patogeni particolarmente aggressivi, NdT) è un ottimo esempio. Ma non sono gli scienziati o il metodo scientifico da mettere sotto processo, quanto piuttosto il modo in cui ci adattiamo alle scoperte recenti.

La fallacia della brutta china [2]:

La fallacia di brutta china, anche detta piano inclinato o pendio scivoloso, è un ragionamento in cui da una tesi si traggono delle conseguenze del tutto arbitrarie, in modo da arrivare ad una conclusione non accettabile e dunque rigettare la tesi.

Due esempi:

1) “Se accetti una sottomissione da un tuo superiore arriverai ad accettare la sottomissione da tutti, e se accetti sottomissioni da tutti la tua vita sarà interamente sottomessa. Dunque non devi accettare sottomissioni.”

2) “L’eutanasia è pericolosa. Si comincia col dare la morte a quelli che la chiedono. Poi a quelli che presumibilmente la chiederebbero. Poi a quelli che dovrebbero chiederla. Poi a quelli che la meritano.”

Il ragionamento sembra corretto perché segue questo schema logico:

A ➡ B
B ➡ C
C ➡ D
¬ D
Quindi ¬ A (per modus tollens)

Ma in realtà ogni parte di questo ragionamento non è garantita da nulla: ogni implicazione è posta in modo assolutamente deliberato e non è dunque accettabile.

● Note:

[1] http://www.scientificast.it/2015/02/27/otto-fallacie-logiche-che-alimentano-le-tesi-antiscientifiche/

[2] https://it.m.wikipedia.org/wiki/Fallacia_di_brutta_china

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...